Da un “Diario della Grande Guerra” terza parte

sabato 5 agosto
… Alle 16 è giunto un fonogramma onde partire subito. Andremo nel Trentino.

domenica 6 agosto
Giornata splendida. Alle 10.30 partenza da Cosizza. Alle 13.30 giunti a Cividale. Sosta di rifornimento. Alle 14.05 giunti alla stazione di Cividale. Alle 17.06 partiti. Arrivati ad Udine alle 17.30. …
Partiti alle 18.18 – 18.39 Pasian Schiavonesco [N.d.C. Pasian Schiavonesco – così si è chiamato fino al 1923 l’attuale comune di Basiliano]. 18.50 Codroipo. 19.22 Casarza. 19.41 Cusano. 19.55 Pordenone. 20.07 Fontanafredda – 20.19 Sacile – 20.28 Orsago – 20.50 Conegliano. Susegana. Treviso. Castelfranco.

lunedì agosto
1.39 Vicenza – 3.20 Thiene – 3.47 Schio.
Alle 6.10 partiti dalla stazione dopo avere scaricato muli cassette etc; 6.30 accampati.
Giornata magnifica. … alle 19.10, un areoplano ha gettate due bombe qui sopra Schio, mi sono rintanato in una cantina. Una è caduta sopra un ospedale a circa 150 metri ove mi trovavo.
Qui ci accorgiamo più che sull’altro fronte che siamo in guerra. (Sull’Isonzo 3600 prigionieri).

martedì 8 agosto
Giornata magnifica – gran movimento di areoplani, per ora sempre fermi qui. Ancora oggi un areoplano ha gettato bombe, ma lontano, in fondo al paese. Il tempo è annuvolato.
Gorizia è stata virtualmente presa, sono stati fatti 8000 prigionieri, si combatte per scacciare il nemico dalle case  (ultimo comunicato).

mercoledì 9 agosto
Stanotte ha piovuto. La mattinata è brutta, il tempo si è rimesso.
Stasera è venuto un areoplano soltanto. Gran passaggio di autocarri e batterie da montagna.
Gorizia è presa – 10000 prigionieri (compresi gli 8000) –   il nemico in rotta … è inseguito dalla nostra cavalleria.


lunedì 14 agosto
… E’ passata 1 batteria (4 pezzi) da 102 piazzati su automobili e ogni pezzo pesa 76 quintali  (piove) tira esatto ad 11 km. ogni proiettile pesa 20 kg. E’ passato un pezzo da 305 [N.d.C. Si parla del cannone da 102/35, prodotto da Ansaldo, e dell’obice da 305 mm.]

martedì 15 agosto
… Oggi sono passate diverse autotrattrici che trasportavano munizioni per il 305. E’ passata una trattrice che trasportava un compressore (10 tonnellate) per fare galleria. Stasera abbiamo avuta la poco grata notizia che il 20 corr. sarà sciolta la nostra sezione. Cosa ci riserverà il destino? …


martedì 5 settembre
Stamani giornata alquanto nuvolosa. Ecco l’acqua. E’ passata una lunga colonna di camions portanti proiettili da 210 e 305 quest’ultimi sono lunghi m. 1,25 e ne erano 3 o 5. Ecco 2 trattrici con 11 proiettili da 305 (ciascuno) ogni proiettile pesa più di 3 q.


venerdì 8 settembre
Stamani acqua, ora è cessata; siamo andati fuori con i muli, siamo andati a Pieve [N.d.C. Pievebelvicino, frazione del comune di Torrebelvicino (VI)] ed a Torrebelvicino.
E’ passata una colonna di camions carichi di granate da 105 (francesi). Stasera è un continuo passaggio di camions e diligenze della Croce Rossa che trasportano feriti e soldati con i piedi congelati.


domenica 10 settembre
Tempo nuvolo. Oggi il cannone si sente sparare ancora di giorno. … Stamani presto sono passati 4 automobili con ufficiali inglesi e giapponesi che andavano verso il fronte (credo ci sia stato pure Cadorna) [N.d.C. E’ citato il Generale Luigi Cadorna, Capo di Stato Maggiore dell’Esercitio Italiano].
Stasera monto di guardia.


venerdì 15 settembre
Stamani pure è tempo buono, siamo andati a fare una passeggiata coi muli, oggi sono montato pure io, perché avevo soltanto Gualtiero. Sono venuti diversi areoplani, tanto che tutti hanno attaccato al trotto per paura di qualche bossolo, perché veniva nella nostra direzione.


lunedì 18 settembre
Stamani tempo nuvoloso. Il tempo si è rimesso. Oggi sono di guardia. E’ passata una batteria di cannoni da 76 da marina (non l’avevo mai veduti) gran passaggio di truppe (ma tornavano indietro, probabilmente andranno a Salonicco) [N.d.C. i cannoni da 76, prodotti per la Marina Militare, furono successivamente montati su pianali ferroviari per la difesa antiaerea]

martedì 19 settembre
Stamani c’è nebbia, casca che sembra acqua, tanto che le tende sono bagnate come se fosse piovuto. Passa una colonna di 13 camions che portano 96 proiettili ciascuno da 120 (francesi) ogni proiettile pesa kg. 29 [N.d.C. proiettili da 120 mm. per obice pesante francese]


domenica 24 settembre
Giornata splendida, stamani sono stato alla spesa foraggio … Quando sono tornato all’accampamento ha avuto la notizia che si andava accantonati, infatti in meno di un’ora abbiamo sfatte le tende, caricate le carrette e via. Siamo distanti quasi 2 km … è una piccionaia addirittura.

Da un “Diario della Grande Guerra” prima parte

Dino, questo il nome del soldato di cui seguiamo il racconto, è affascinato dalla fotografia – cosa inusuale per quel lontano 1916 – e, partendo per il fronte, porta con sé una macchina fotografica, oltre a un’agenda militare su cui annota fatti significativi della giornata: sia personali, sia attinenti al drammatico evento che si trova a vivere.

Egli non fa parte di quei soldati che vengono relegati nelle trincee; si trova in ogni modo a operare nelle immediate retrovie, anche se gli capita talvolta di dover raggiungere le zone “calde” del fronte.

Ma … andiamo per ordine.

Dino è toscano, di Livorno; e il reggimento a cui appartiene – il 19° Artiglieria da Campagna, ottava Sezione telefonica d’artiglieria – è di stanza a Firenze.

L’addestramento dei reparti in vista della partenza per il fronte avviene sia  a Firenze e nelle immediate vicinanze, sia nelle campagne intorno a Torino.


Il diario inizia con l’annotazione della partenza verso le zone di guerra.

lunedì 14 febbraio 1916
Partiti da Firenze alle 24 e 15 minuti


giovedì 17 febbraio
Arrivati a Cividale alle 8

Le annotazioni proseguono poi con cadenza quotidiana, anche se qui riportiamo quelle più interessanti, e, in particolare, quelle a cui corrisponde una documentazione fotografica.

domenica 20 febbraio
Alle 11.20 un areoplano austriaco ha volato sulla nostra testa, ed è stato fatto bersaglio dagli shrapnel delle nostre batterie. L’areoplano volava ad una grande altezza.
Alle 14 arrivati a Purgessimo (nostra residenza) [N.d.C. Nel comune di Cividale del Friuli (UD)]

lunedì 21 febbraio
Alle 11 un nostro areoplano è passato sopra di noi a circa 2000 metri.
Mentre andavamo alla spesa viveri il mulo, impaurito da una automobile, ha rovesciato il carro, cadendo a terra pure lui; niente danni

domenica 27 febbraio
Oggi il cannone non ha mai cessato di brontolare. E’ stata una giornata di bombardamento incessante.
L’acqua è caduta in gran quantità tutto il giorno.
I colpi venivano dalla parte del Carso ed in generale venivano tirati colpi del 305  [N.d.C. si fa riferimento all’obice da 305 mm.]

martedì 7 marzo
Giornata d’acqua. Alle 11 ½ sono andato alla spesa tavole e l’acqua mi ha risparmiato. Ho attaccato Gualtiero e per la prima volta ho guidato
con tanto carico. Tutto bene. Giornata calma, soltanto nel dopo pranzo il cannone si è fatto sentire. [N.d.C. Gualtiero è il nome del mulo assegnato a Dino]


sabato 11 marzo
… E’ un continuo rumore. Oggi sembra il giorno del giudizio, è impossibile poter descrivere il brontolio continuo del cannone, è una cosa incessante; mi sono provato a contare i colpi ma non ho fatto in tempo, tanto si succedono rapidi. Sentiamo il rombo dei cannoni di tutti i calibri. Oggi devono passare da Cividale 800 prigionieri

domenica 12 marzo
… Stasera il Sig. G. R. mi ha confidato in segreto questa cosa: “Giorni or sono un areoplano austriaco, volando sopra questo paese, pare che abbia lasciato cadere dei fogli, nei quali era scritto presso a poco quanto segue: ‘l’Italia prenderà Trento e Trieste, ma però Cividale ed Udine dovranno scomparire’ “.
Secondo la mia idea, questi fogli l’hanno gettati a scopo di impressionare gli abitanti o per provocare del panico e dello scompiglio.

lunedì 3 aprile
Oggi sono andato a Cividale e passando da Carraria, ho veduto un maggiore del 7° Regg. Fanteria senza il braccio sinistro.
Andando alla spesa foraggio ho veduto arrivare un treno ove erano diversi pezzi da 210. Non l’avevo mai veduti: sono belli assai.

martedì 4 aprile
Bella giornata. Stamani sono andato a Cividale dove ho veduto l’obici da 280. nel tornare indietro ho assistito ad un duello fra due areoplani! Lo spettacolo, benché non si possa vedere gran che, pure è emozionante, specialmente quando si sente le scariche di mitragliatrice.


venerdì 7 aprile
… Stamani appena giorno, abbiamo sentito bombardare l’areoplani. Corre voce che tre di quelli siano stati atterrati. Uno dei nostri, per atterrarne uno nemico, è caduto insieme all’altro, però i nostri sono periti, mentre l’aviatori nemici si sono salvati, ma sono stati fatti prigionieri. Pare che la lezione l’abbia fatto buono perché per tutta la giornata non se n’è veduti altri.

domenica 16 aprile
… Oggi sono di guardia. Verso le 9 ¼ abbiamo veduto un areoplano austriaco, al quale le nostre batterie hanno fatto fuoco. Arrivato a Cividale, ha lasciate cadere due bombe. Nessun danno.
Un bossolo intero è caduto a 3 o 4 metri di distanza da noi, entrando in una casa, dove fortunatamente non c’era nessuno. Abbiamo fatto in tempo a darci alla fuga perché l’abbiamo sentito fischiare mentre cadeva. Alle 10.40 è passato un nostro areoplano. Alle 10.55 abbiamo veduto un pallone frenato.

venerdì 21 aprile
Oggi il tempo è brutto, ma non piove.
Per la prima volta sono andato di servizio per una riparazione telefonica. Siamo andati a Clodig, sono circa 15 km da qui [N.d.C. Clodig, nel comune di Grimacco (UD)]. Il servizio non è per niente faticoso … Che monti ripidi che vi sono! Ma non sono troppo alti. Dice che stasera deve cominciare l’azione generale. Infatti deve essere proprio vero, perché stasera sentiamo un gran brontolio di cannoni, mentre da tanto tempo non lo sentivamo più. Speriamo bene!

domenica 30 aprile
Oggi acqua.
Però stamani c’è stata la messa al campo e l’acqua ha risparmiato di cadere. Ho fatto due o tre fotografie, ma credo che saranno pellicole sciupate, perché il cielo è sempre stato coperto.
E’ assai bella la messa al campo con gli squilli di tromba è emozionante.